Suiteside Official Web

The Banshee “Public Talks”

frontcoverwebARTIST: THE BANSHEE
TITLE: “PUBLIC TALKS”
LABEL: SUITESIDE DRIVE
PUBLISHER: DE FERRARI & DE VEGA
FORMAT: CD
CAT N.: SSD005
OUT: OCTOBER 2007 (Italy) – NOVEMBER 2007 (UK, BENELUX, CANADA)

 

itunesbutton

 

ssshop

 

 

 

 
Tracklisting: Talking on the Phone / So long / Games People Play / Holiday Drink / Candy Cane Guy / City / Maybe Baby / Pictures Moving / Why not / Panic at the Party

CHECK THE BANSHEE PAGE FOR BIO AND MEDIA

 

englishThe debut album for The Banshee, featuring a collection of great songs, with refrains, hooks, cute choruses. Songs that can attract sing-alongs at gigs or that can be simply whistled under the shower.  Garage-punk and brit-rock, oh yes, but with lots of irony and fun, and with a stylish attitude (definitely, they loved Pulp more than Sex Pistols!). The production is in charge of Giuseppe Barone (Valvola, S.H.A.D.O. Records), who fixed the 10 tracks at the Alpha Dept. Studios in Bologna, putting in the dirty job his love for vintage sounds, that together with the modernist attitude of the band make “Public Talks” a must-have record. banshee_15

 
italiaAlbum di debutto per The Banshee, 10 brani fra brit-rock e attitudine garage-punk fatti di ritornelli appicicosi,  irruenza e sfacciata ironia. Canzoni da cantare a pieni polmoni e ballare scompostamente. Produzione a cura di  Giuseppe Barone (Valvola, S.H.A.D.O. Records) presso gli Alpha Dept. Studios di Bologna; amore per il sound vintage e attitudine modernista per un cd già da collezione.

 
Like Kaiser Chiefs if they had a hard -on for T.Rex, or Boy Kill Boy maiming themselves with snapped Slade seven-inches. Ace, in other words.  James Jam – New Musical Express
With great pace and enthusiastic energy, The Banshee’s ‘Public Talks’ is pretty spectacular and extremely
hard to put down! Rhythm & Booze /Toxicpete (UK)
Quirky, catchy and very listenable. Subcity Radio (UK)
It works. Well. Public Talks is a fantastic album to get you in the mood to party and will no doubt find its way on to the playlists of many an indie club DJ. This is a band you have to see live. Burstradio (UK)
An irresistible sequence of fast angular riffs, styled vocals, and lush post punk arty hooks. Soundsxp (UK)
A trip through punk, indie and funky electro guitar wrapped beats which range from The Clash to Human
League. The highest point in the album has to be City, this is a track to play again and again, LOUD! The riff at the beginning of this track is fantastic, funky and the song intelligent. Left Lion (UK)
PUBLIC TALKS is a record that brims with the kind of energy been missing of late. A short, sharp shock of a record PUBLIC punch in the face but does it with such charm and joyfulness that it and begging it for more. Uk Music Search (UK)
‘So Long’ begs to be danced across the indie danceflooor, whilst ‘Holiday Drink’ is so jagged you could lose a finger. The Banshee do a good job of showing that there may well be a wealth of Futureheads-loving indie bands just waiting to be discovered. Fuse FM – Manchester University
Les mélodies sont imparables, l’énergie et l’attitude ne font pas défaut. A suivre de très près!
Riff Raff (Benelux)
“Candy Cane Guy” et “Maybe baby” sont pour moi de véritable hymnes en puissance, nous font remonter
quelques années en arrière. Leur musique par une étrange sensation nous plonge dans un état béatifiant.
Celui d’écouter un très bon disque. A découvrir. Underground Society (FR)
The Banshee s’est attribué la mission de communiquer, amuser et rendre les gens heureux. Trois objectifs que ces Italiens ont atteints! Musiczine.net (BE)
uktourflyerUna formula pop esagitata e nervosa, con una batteria che pulsa suggerendo schemi disco-punk, il tutto in una chiave appena meno rifinita, suoni sporchi e distorsioni spesso in primo piano. Un album divertente e frizzante, suonato con competenza e pure con quel poco di strafottenza che non guasta mai, assolutamente al livello delle produzioni straniere. Mucchio
Freschi ed esuberanti, i nostri frullano infatti insieme punk-rock, post-punk, mod, pop e tentazioni danzerecce lungo mezz’ora abbondante di suono grezzo e spigliato, e non si nega il bel ritornello appiccicoso.
Rumore
Nu-R’n’R e punk-funk travolgente, dalle vastissime influenze, tutte catalizzate dai nostri in sonorità proprie. Ascoltando la freschezza dei Banshee, si intuisce come questo sia il miglior rock’n’roll ritmato che oggi si possa ascoltare, pieno di fascino, sostanza e ritmo. 8 Rockerilla
Un album interessante e ben fatto, con un paio di episodi sopra la media e una compattezza d’insieme degna di un veterano. “Public Talks” raccoglie e assembla in maniera sufficientemente personale un patrimonio pop british che va dai Pulp ai Supergrass, passando per i primi Blur e i Buzzcocks fino ad arrivare alle nuove band come Bloc Party o Franz Ferdinand, soprattutto quando la sezione ritmica decide di percorrere le vie di un white funk tanto di moda. 7 Rocksound
Una manciata di brani accattivanti, che incitano al movimento, al ballo in pista, il tutto con naturalezza e freschezza. Un buon debutto insomma, effervescente e scalpitante. Rockit
Nevrosi ritmiche in levare, riff di chitarra spesi quasi fossero monetine da dieci centesimi, refrain di facile presa, testi sputacchiati a mo’ di chewin-gum sfatto, irruenza incontrollata e incontrollabile. Sentire Ascoltare
Carica secca, ritmi 1982, bassi vintage, rock and roll spettinato e somma concentrazione. Sono 10 tracce dove Games People Play; Panic At The Party e So Long svettano senza lasciarvi il tempo di girare la testa altrove. Kathodik
Canzoni divertenti, che ti fanno sorridere, che ti fanno venire voglia di vederli dal vivo a scatenarsi sul palco. La strada è quella giusta, hanno piglio e sanno incuriosire. “Talking on the phone”, “Games people play”, “Holiday drunk” o “Pictures moving” e “Why not” sono tutti pezzi con un gran tiro e di episodi da dimenticare non ce ne sono proprio. Rocklab
Lavoro dal gusto incofondibilmente british, dai ritmi serrati, nervosi… che infondono nell’ascoltatore un irrefrenabile senso di euforia sincopata fino a ritrovarsi involontariamente a ballare con movimenti scattosi e convulsivi. Liverock.it
Riferimenti freschi e del nostro tempo, una volta tanto. Perchè non se ne poteva più di figli putativi di mostri sacri anche un pò ammuffiti.
Meglio i figli dei figli, cioè i nipotini.
Decisamente più credibili se considerati nella sfera contemporanea.
E’ così che i Banshee finiscono per gonfiare questo ‘Public Talks’ di Belle canzoni, caratterizzate da notevole songwriting e buona esecuzione.
Centro Musica Cremona
Hanno il pregio della schiettezza, di un’ironia semplice e motivata, e una quadratura genuina.
Un disco sfizioso, ordinato come una bombetta, incalzante, perfetto per ogni tipo di festa. Hate TV
Materiale rock’n’roll infiammabile made in UK che sa di “garagepunk britannico anni 70/80.. Jam. Buzzcocks”. Il tutto suona anche (ed è un complimento) un pochino new wave, sui sentieri di certi Gang Of Four per capirci, e onestamente il tutto funziona per pezzi incisivi, dinamici ed accattivanti. Perchè No
Il quartetto si addentra con estrema facilità ed altrettanta freschezza nei campi sonori portati nelle charts da Kaiser Chiefs, Maximo Park, Supegrass, con un tocco di follia che ben hanno insegnato i Devo.
Il tutto con piglio anfetaminico e una buona capacità compositiva. Ottimi. RadioCoop

Advertisements

Leave a Comment »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Create a free website or blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: