Suiteside Official Web

AA.VV. “Playing the Indie Game”

 

ss010coverAA.VV.
“PLAYING THE INDIE GAME”
FORMAT: CD
CAT N.: SS 010
BARCODE: 8024365601025
OUT: APRIL 2004
PRICE: 5,00 €

 

ssshop

 

 

 

 

Tracklisting:
Brave Captain – The Little Girl Who Waves at Trains
Wilfried*-  I Made Love with Pussy Galore
Anorak –  Microphone
Mantler – Shadows and Counterparts
King of Woolworths – Dog Cat Game
John.Wayne.Shot.Me – A Song about Fishing
Morose – How I Killed Leonard Cohen
Pecksniff – I’m a Sailor
No Through Road – The Singing Donkey
Blimey! – Sexy
Lo-fi sucks! – Cookie Jar

english

Playing the Indie Game  is the first compilation in the Suiteside catalogue, even if it might be more accurate to define it as “a project”.
The cd actually features 11 original and unreleased tracks, written with a central theme of playing with toy instruments in mind, leaving out as far as it was possible any technical knowledge and skill in order to adopt a child-like approach to music. One of the artists (Brave Captain) found inspiration looking at a little girl waving at every train she sees, another (King of Woolworths) found it from memories of his kid’s games and from his two lovely cats. Others (such as No Through Road) were inspired while sorting through their dusty old fairy tales books, or while recalling with a smile teenage love dreams (as in the case of Wilfried*). Lo-fi sucks! were fascinated by the sound of the music box that lulls a daughter to sleep every night. Anorak let a little sister sing, and Blimey! created an amusing tune using only vocals and a toy xylophone, whereas others such as John.Wayne.Shot.Me and Pecksniff had no need to move away from their usual naive moods to feel at home. Finally, Morose and Mantler just painted their musical pictures with pastel colours in their customary melancholic vein.
What you can hear now are eleven gorgeous, delicious songs, lo-fi by nature, with no traces of any mannerism, as unmannered and vital as kids’ minds are.

italia

 Playing the Indie Game  è il titolo della prima compilation del catalogo Suiteside. Si tratta di 11 brani originali, composti appositamente per l’occasione utilizzando strumenti giocattolo e mettendo il più possibile da parte ogni forma di “conoscenza/virtuosismo” musicale in favore di un’attitudine ludica.
C’è chi si è lasciato ispirare da una ragazzina che saluta tutti i treni che vede passare (Brave Captain), chi dai giochi d’infanzia e dai suoi due gatti (King of Woolworths), chi dai racconti di fiabe letti da piccolo (No Through Road), chi dalle proprie fantasticherie amorose adolescenziali (Wilfried*), chi ancora dal suono del carillon con cui si addormenta tutte le sere la propria bimba (Lo-fi sucks!).
C’è chi ha fatto cantare la propria sorellina (Anorak), chi ha usato solo voce e uno xilofono giocattolo (Blimey!), chi non si è dovuto distaccare eccessivamente dal proprio consueto tono svagato e naif (John.Wayne.Shot.Me, Pecksniff) e chi infine ha interpretato il “compito assegnato” colorando appena di colori pastello l’abituale vena malinconica (Morose, Mantler).
Il risultato finale, volutamente a “bassa fedeltà”, si potrebbe definire delizioso ma mai lezioso, così come non leziosa, ma ricca di complessa vitalità, è la creatività infantile.

Provateci voi a metter insieme una compilation così ambiziosa dall’Italia, convocando nomi di prima fila dell’indie-rock mondiale. Un’antologia del genere riesce a farci raddrizzare i padiglioni. Rumore (disco consigliato)
Dolcissimi brani pop di attitudine naif, ma spesso di ottima fattura cantautoriale. RRRR Rockerilla
Primissima compilation ed è subito uno sfavillante centro! Tra cantilene e filastrocche, amori pre-adolescenziali, gatti parlanti e biscottiere, ha preso forma un affresco a tinte pastello dal mirabolante gusto naif. Complimenti vivissimi a tutti, dai protagonisti alla produzione. 7/8 Blow Up
Playing the Indie Game è una compilation talmente divertente e circondata da un’ingenua pulizia che gira sul lettore con una continuità incessante. Undici perle che compongono la miglior compilation uscita da un’etichetta indipendente italiana negli ultimi anni. Un giocattolo da portare con sé in ogni momento. Kronic.it
Gli spunti e le soluzioni sono curiose, deliziosamente sgangherate e, in qualche momento, addirittura magiche. Sembra di essere di fronte a un esperimento di suggestione, di regressione temporale che è riuscito in pieno a liberare l’anima infantile della musica. mtv.it
Un calembour che mischia ambientazioni lo-fi, strumenti giocattolo, scenari color pastello. Playing the Indie Game ha dalla sua un’espressività non comune. Alias

Advertisements

Leave a Comment »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Create a free website or blog at WordPress.com.

%d bloggers like this: